Qualcuno ci ha detto che il futuro sarebbe stato tra le stelle, se osserviamo a distanza di qualche anno questa…

Qualcuno ci ha detto che il futuro sarebbe stato tra le stelle, se osserviamo a distanza di qualche anno questa frase potremmo dire “ Mai affermazione fu così profetica”. Diciamo che le nostre stelle sono l’universo del web e che più che futuro ora possiamo parlare di presente, un presente fatto di applicazioni, di strumenti, di connessioni rapide che ci permettono di essere collegati alla rete in ogni istante e di comunicare in tempo reale.

Quando parliamo di comunicazione attraverso l’e-mail marketing cosa intendiamo esattamente?
Ci riferiamo al vomitare sul mercato e addosso a tutti i nostri malcapitati contatti qualsiasi tipo di informazione o proposta commerciale ci passi per la mente, oppure facciamo riferimento a qualcosa di ben preciso, con un’utilità sociale e personale sia per chi la riceve che per chi la invia?

Il mio mondo è quello del Turismo e in questo periodo mi ha particolarmente colpito quanto le strutture ricettive facciano di tutto, e questo “tutto” passa per la comunicazione, per lanciare addosso a chi riceve i loro messaggi, un sacco di comunicazione inutile e deleteria, quasi con l’intento di allontanare i potenziali clienti dalle loro strutture.

Ho cercato, da uomo di Marketing, di fare una sorta di segmentazione delle numerosissime e-mail che ricevo, creando alcune categorie di comunicazioni:

Cominciamo con la categoria dei “Perfavore andate dalla concorrenza”. Questa categoria si riferisce a quelle strutture che inviano comunicazioni alle loro mailing list direttamente da Outlook, senza mettere in copia nascosta gli indirizzi dei destinatari e che avendo in database, (tanto per fare numero) anche gli indirizzi dei concorrenti, regalano contatti ai competitor (oltre a violare la privacy dei propri iscritti). Se appartieni a questa categoria ti faccio i miei complimenti vivissimi.

Abbiamo poi la categoria dei “Non so proprio cosa dire” segmento molto interessante che invia messaggi di comunicazione corredati da enormi e pesanti foto che nella maggior parte dei casi nemmeno si aprono o finiscono nello SPAM e che, come unico messaggio comunicano il listino. Se fate parte di questa categoria immaginate di andare a caccia di anatre su un lago e per essere sicuri che le anatre ci siano sparate un colpo in aria.

Per finire abbiamo poi la categoria dei “Sono mancato a quella lezione”. Qui ci sono tutti quei messaggi corredati da un ottimo numero di frasi senza senso prive di sintassi che servono solo a riempire lo spazio e magari piene di errori di ortografia. Per questa categoria non servono commenti.

Se fai parte di una di queste 3 categorie (ma anche se non ne fai parte), ecco le 5 cose che ti devi ricordare per scrivere un’e-mail efficace:

  1. Usa un software professionale per l’invio delle tue comunicazioni/promozioni;
  2. Segmenta la tua lista e invia comunicazioni mirate ad ogni target;
  3. Se inserisci un’offerta, anticipa le obiezioni dei clienti e inseriscu una Call to Action ben visibile (ad esempio un bottone per prenotare);
  4. La Call to Action deve aprire una pagina specifica del sito dove ritrovare l’offerta o un approfondimento di quello di cui stai parlando (non l’home page!);
  5. Inserisci sempre i riferimenti della struttura, telefono, e-mail, località, etc. (sembra scontato ma 1 comunicazione su 3 non li contiene!).