Un viaggio a piedi tutto al femminile. L’idea è venuta a Destinazione Umana tour operator di vacanze ispirazionali. Ecco allora…

Un viaggio a piedi tutto al femminile. L’idea è venuta a Destinazione Umana tour operator di vacanze ispirazionali. Ecco allora che la via degli Dei si tinge di rosa e si trasforma nella via delle Dee. Un trekking ispirazionale, lungo un antico sentiero, pensato per le donne che viaggiano da sole e che vogliono vivere un’esperienza unica all’ insegna delle emozioni e della crescita personale.

Il cammino che collega Bologna a Firenze, si snoda lungo lo storico sentiero dell’Appennino Tosco Emiliano. Si parte da piazza Maggiore a Bologna fino ad arrivare a Piazza della Signoria a Firenze. La presentazione ufficiale del percorso è avvenuta l’otto marzo scorso in occasione della giornata internazionale della donna.

Circondate da paesaggi incontaminati in mezzo alla natura è possibile staccare la spina e ritrovare se stesse in perfetta simbiosi con l’ambiente circostante.
Zaino in spalla e bando ai social camminare insieme tra donne,  lasciando a casa paure e sensi di colpa aiuterà a crescere vivendo un’esperienza unica. Un’opportunità per ritrovare la propria dimensione femminile condividendo, passo dopo passo, emozioni e sogni. Il senso è anche quello di mettersi alla prova superando un percorso, di 130 km, che conserva intatto nei secoli tutto il suo fascino selvaggio.

Una delle principali attrazioni turistiche dell’Appennino

La via degli Dei è un percorso ideato alla fine degli anni 80 da un gruppo di escursionisti bolognesi. Si tratta di una delle principali attrattive turistiche dell’Appennino che ricalca principalmente antichi tracciati. E tra Monte Bastione e Monte di Fo passa accanto ad alcuni pregevoli basolati della strada romana ora riscoperti.
Perché via degli Dei? Semplicemente perché il percorso attraversa località come Monte Adone, Monzuno (Mons Iovis, monte di Giove), Monte Venere e Monte Luario (Lua era la dea romana dell’espiazione).

La via delle Dee

La via delle Dee ovvero trekking ispirazionale per donne

La via degli dei, oggi però è diventata la via delle Dee ovvero un trekking ispirazionale per donne che sentono il desiderio di mettersi alla prova e di andare oltre per riconnettersi con se stesse. Si tratta, infatti, prima di tutto di un viaggio interiore. Ad accompagnare i gruppi di cammino, già aperti al pubblico, ci sarà una guida ambientale escursionistica, l’unico uomo del gruppo che guiderà le viaggiatrici lungo questi 130 km di cammino durante i sei giorni di viaggio. Le tappe intermedie del percorso  sono note solo alla guida in modo da permettere alle viaggiatrici di concentrarsi esclusivamente su se stesse.

Una via degli dei alternativa insomma pensata per tutte quelle donne che amano il cammino, anche interiore, di ricerca e consapevolezza di sé. Un cammino da condividere insieme ad altre viaggiatrici in un contesto di amicizia e sorellanza.

Un’opportunità anche per le strutture ricettive

Un esempio virtuoso di come si può raccontare e valorizzare un territorio in modo nuovo creando esperienze di viaggio uniche destinate ad un target specifico ( e in crescita ). Ovvero le viaggiatrici contemporanee, che non si accontentano più di vistare luoghi nuovi, ma desiderano mettersi in gioco in prima persona affinché il viaggio sia sinonimo di conoscenza, crescita, in una parola esperienza.

Anche le strutture ricettive naturalmente possono trarre vantaggio da questo tipo di proposta di viaggio pensando per esempio a pacchetti ad hoc. I pacchetti tailor made sono viaggi su misura che vengono personalizzati in base alle esigenze del cliente che vuole vivere momenti unici. Come  ben sappiamo è in forte crescita la domanda turistica legata alla natura, al benessere, alla cultura ecc.. Al classico turismo di destinazione oggi si è affiancato un turismo relativo alla “travel exeperience“.

Nel caso specifico della via delle Dee, oltre  agli ostelli e b&b che ospitano, di tappa in tappa, le viaggiatrici lungo tutto il loro percorso, la partenza da Bologna e l’arrivo a Firenze, a conclusione del cammino, sono appannaggio delle viaggiatrici stesse. Anche gli Hotel al di fuori del cammino possono quindi pensare ad offerte mirate, per gruppi di donne. Destinate a coloro che dopo il viaggio a piedi desiderano immergersi nella bellezza e nella cultura di Firenze. O a coloro che prima di partire desiderano entrare nel mood giusto con una sosta in hotel cucita su misura per chi si appresta a fare questo tipo di esperienza. E’ compito delle strutture ricettive,  intercettare le esigenze specifiche degli ospiti  e raccontare e promuovere un territorio, anche attraverso le esperienze inedite che si possono vivere  in quel determinato contesto.