Lo rileva l’Istat nella nota di Luglio 2017: è boom di connazionali in ferie. Secondo Federalberghi stanno partendo 34 milioni di italiani,…

Lo rileva l’Istat nella nota di Luglio 2017: è boom di connazionali in ferie. Secondo Federalberghi stanno partendo 34 milioni di italiani, 11 milioni in più rispetto al 2007 (+49%). 

Il bilancio positivo dei mesi di giugno e luglio e le previsioni relative ai mesi di agosto e settembre confermano che l’estate 2017 sarà caratterizzata da un’ottima performance”. Parola di Bernabò Bocca, presidente di Federalberghi, a commento della recente indagine sulle vacanze estive degli italiani.

La neostabilità economica, dettata da segnali positivi in molti settori (compreso il mercato del lavoro), sembra aver giovato agli italiani che quest’anno si mostrano più fiduciosi e decidono di partire per le vacanze.

Infatti, pare che per l’estate 2017 si concedano una vacanza oltre 34 milioni di italiani, con un aumento del 3,2% rispetto allo stesso periodo del 2016. Nel 78,6% dei casi (più di 27 milioni) rimangono in Italia (contro il 74,5% del 2016), mentre il 21,2% (quasi 7,3 milioni) si sposterà all’estero. Per un giro di affari che si attesta sui 22 miliardi di euro, in crescita del 2,2% rispetto al 2016.

Tutti al mare? Quasi

Il mare si conferma come meta regina. I nostri lidi stanno infatti ospitando quasi il 70% dei vacanzieri. Di questi, circa il 51% preferisce il mare della Penisola o delle due isole maggiori, mentre il 18% si riversa nelle isole minori.

Il mese più gettonato è sempre agosto, in ulteriore consolidamento (+0,7%). Tuttavia, è stata rilevata una consistente crescita delle partenze a settembre, scelto dal 12,4% degli italiani (+3,2% rispetto alla scorsa estate) come mese ideale per trascorrere la propria vacanza. Si tratta di un dato che lascia ben sperare e che merita di essere accompagnato con adeguate politiche di destagionalizzazione.

La durata media della vacanza principale rimane intorno alle 10 notti.

Dove alloggiano i turisti?

L’alloggio preferito? L’hotel. Nel primo semestre del 2017, le presenze dei turisti nelle strutture italiane hanno fatto segnare in media un incremento del 4,8%, risultante di un aumento del 4,1% degli italiani e del 5,4% degli stranieri. (Fonte: osservatorio Federalberghi)

La maggior parte degli italiani ha prenotato l’alloggio per le proprie vacanze rivolgendosi direttamente all’albergo (55,3%), mediante il sito internet della struttura (24,0%) o contattandola mediante telefono, mail o altro mezzo (31,3%). Il 42,0% si avvale di un intermediario, rivolgendosi ad un’agenzia viaggi tradizionale (20,0%), a un tour operator (9,7%) o a un portale* (12,3%).

Ottime notizie dunque per il nostro Paese. L’Italia conserva la propria attrattività sia per il turismo interno che per il turismo internazionale, dando lavoro a più di un milione di persone ogni estate. Secondo l’elaborazione di Federalberghi sui dati INPS, il picco si attesta a 1.118.914 persone in agosto. Una grande speranza anche per i giovani.


* A proposito, come capire se la presenza in un portale è conveniente? Calcola il ROI del tuo investimento utilizzando questi parametri di riferimento.