A fine 2017 si contavano circa 2.000 coffee shops lungo lo stivale. E, secondo TradeLab, si tratterebbe una tendenza destinata…

A fine 2017 si contavano circa 2.000 coffee shops lungo lo stivale. E, secondo TradeLab, si tratterebbe una tendenza destinata a consolidarsi nei prossimi anni, in linea con il +2,6% registrato l’anno scorso.

Per diversi motivi. «Innanzitutto, perché si tratta di un trend che procede con costanza negli ultimi anni, sebbene con andamenti diversi per i vari operatori». In Italia, peraltro, è ancora poco sviluppato rispetto ad altri Paesi,  quindi offre ci sono ancora molte opportunità di mercato. «Poi perché registriamo un interesse sia degli operatori già presenti in questo mercato a proseguire lo sviluppo delle loro reti di locali, sia da parte di altre realtà ad entrarvi» ha spiegato Angela Borghi, responsabile sviluppo di TradeLab.

Chi si divide il mercato

Nella grande varietà di realtà che caratterizzano il comparto, in particolare, TradeLab ha individuato tre disinti segmenti:

  1. grandi player nazionali e internazionali
  2. integrati
  3. piccoli player nazionali

Per il nostro Paese, storicamente caratterizzato dalla presenza di tantissime realtà indipendenti, la diffusione della formula “in catena” è una vera e propria novità. Siamo infatti ancora ben lontani dai livelli raggiunti negli altri Paesi europei, ma ci stiamo dando da fare.

Infatti, se i grandi player (operatori nazionali e internazionali che hanno una presenza ormai consolidata sul mercato italiano) gestiscono quasi il 60% dei punti vendita in Italia ma crescono mediamente del 3%, il segmento degli integrati (ovvero le aziende di produzione che si sono integrate a valle) pesa nel complesso il 36% e registra ora un +10% annuo. Infine, udite udite, i piccoli operatori nazionali attivi soprattutto a livello locale, costituiscono il 5% dei punti vendita ma hanno una crescita decisamente vivace: rispetto al 2016, sono aumentati del +14%.

Dimensioni a parte, chi lavora nel settore sa che quel che conta è l’esperienzialità.

Una vera coffee experience al Flagship Store Lavazza

Se dovessimo portare un esempio estremamente attuale potremmo parlare di Lavazza, azienda leader in Italia nel mercato del caffè e tra i principali player riconosciuti a livello mondiale, che per la prima volta ha portato l’eccellenza del Coffee Design alla portata di tutti i consumatori e amanti nel caffè. Lo ha fatto nel nuovo Flagship Store nel cuore di Milano, uno spazio studiato per offrire un’esperienza immersiva e inedita nel mondo autentico del caffè firmato Lavazza.

Così, l’ingrediente irrinunciabile del quotidiano diventa qui un momento sorprendente, da scoprire nei suoi originali volti in un percorso multisensoriale che abbraccia tradizione e innovazione, dal classico espresso italiano, alle esclusive creazioni di Coffee Design, passando dai diversi sistemi di estrazione, fino alla celebrazione dell’arte della tostatura. Espressioni differenti per un unico scopo: esaltare la qualità e l’unicità del caffè Lavazza in tutte le sue forme.

«Crediamo fortemente in questo progetto che ha l’obiettivo di offrire a tutti l’opportunità di vivere il meglio del mondo del caffè Lavazza. Sorprenderemo il pubblico con le forme inedite del Coffee Design, nate da una profonda expertise nella sperimentazione unita al mondo dell’alta gastronomia, in uno spazio che in tutti i suoi elementi esprime la storia e l’anima di un’azienda che da sempre si impegna nel diffondere la tradizione tutta italiana del caffè con un continuo sguardo aperto al futuro e all’innovazione», ha spiegato Marco Lavazza, Vice Presidente di Lavazza.

Lo spazio inclusivo e contemporaneo del Flagship Store Lavazza è nato per accogliere il cliente in quattro aree che prendono forma attorno a un imponente banco centrale di forma ellittica, con stile e colori che richiamano la materia prima e che mette in scena un’atmosfera unica intorno atutte le possibili esperienze a base di caffè.

 

1. COFFEE DESIGN, UN’ARTE CREATA DA LAVAZZA

Il viaggio intorno al caffè inizia con le sorprendenti ricette dell’area dedicata al Coffee Design, a esprimere l’innata vocazione alla creatività e all’innovazione del brand, che ha dato vita a questa nuova disciplina dove l’avanguardia del food design viene declinata nel caffè per nuove combinazioni di gusto. I prodotti innovativi del Coffee Design, frutto di ricerche condotte dal Training Center di Lavazza con la partecipazione di grandi chef internazionali, restituiscono creazioni di caffè uniche agli occhi dei consumatori. Come in un vero e proprio cooking show, si può assistere infatti alla preparazione e degustare alcune delle ricette di Coffee Design Lavazza: spume, caviali, cocktail e inaspettati assaggi solidi di cui abbiamo parlato in questo articolo.

2. IL CAFFÈ TOSTATO AL MOMENTO

L’area Fresh Roasted del Flagship Store Lavazza è dedicata invece alla scoperta della tostatura e della miscelatura, innovazione tutta italiana introdotta nel 1895 dal fondatore Luigi Lavazza, nella sua prima drogheria in via San Tommaso a Torino. Anche in questo spazio, il caffè crudo di alta qualità e freschezza, proveniente dai Paesi produttori di tutto il mondo, viene trasformato di fronte agli occhi dei clienti, che possono scegliere di gustare o acquistare le selezioni selezionate e e proposte nel punto vendita.

3. ESPRESSO E DINTORNI: SU E GIÙ PER LO STIVALE

L’area Caffetteria, al cui interno è possibile gustare l’esclusiva proposta premium di Lavazza per il canale bar, che comprende la miscela di pregiate origini biologiche Alteco e la special edition Kafa, offre un originale percorso da Nord a Sud attraverso ricette storiche e reinterpretazioni locali dell’espresso, accompagnati inoltre dalle speciali selezioni di cioccolatini artigianali create da Guido Gobino per Lavazza.

4. PREPARAZIONI DIVERSE, UN UNICO SCOPO: ESALTARE LA QUALITÀ DEL CAFFÈ

Uno spazio del Flagship Store Lavazza è infine dedicato alla magia delle trasformazioni dello Slow Coffee, dietro cui si nasconde una maestria che gli appassionati di caffè possono finalmente toccare con mano. L’espresso è la tradizionale interpretazione del caffè. Ma non è l’unico.

In quest’area si assiste alla pratica di tutti i diversi sistemi di estrazione di cui abbiamo parlato in un precedente appuntamento con il caffè: Syphon, Chemex, Cold-brew, Aeropress, straordinarie preparazioni di cui siamo stati spettatori durante The Greatest Coffee Maker, il concorso di caffetteria nato da un’idea di Gp.Studios e al quale ha partecipato attivamente anche Lavazza.