Club Med, da sempre, incarna il concetto di vacanza innovativa. Già dal 1951. In quell’anno apriva a Baratti, in Toscana,…

Club Med, da sempre, incarna il concetto di vacanza innovativa. Già dal 1951.
In quell’anno apriva a Baratti, in Toscana, il primo villaggio di vacanze italiano targato Club Med.

All inclusive: una rivoluzione nel concetto di turismo

Immediato scocca il colpo di fulmine tra gli italiani e l’inventore del concetto “vacanza all inclusive”.

Sono gli anni in cui Gérard Blitz e di Gilbert Trigano creano una vera e propria rivoluzione nella concezione del turismo dell’epoca, facendo ritrovare, sulle stesse spiagge, francesi e italiani, grandi imprenditori e operai, coppie e famiglie.

La vacanza  è diventata trasformativa: non solo relax, ma esperienze

Un elemento di condivisione delle stesse esperienze che è rimasto, come elemento caratterizzante, della vacanza Club Med che inizia, ben presto, a rappresentare un modello da imitare, diventando il perno principale del concetto di “vacanza innovativa”.

Con il trascorrere degli anni, questa filosofia è ancora alla base del concept dell’impresa turistica per eccellenza. E si è adattata all’evoluzione stessa della cosiddetta “vacanza trasformativa”.
Come ha sottolineato Eyal Amzallag, managing director Italy, South Europe & emerging markets : “Il soggiorno ormai non è più solo relax e tintarella, ma si basa sulle esperienze.

Un bisogno del mercato che si basa su “un mix di quattro elementi: nuove esperienze, opportunità di approfondire le proprie passioni, nuove abitudini e riconnettersi”.

Upscaling, global e happy digital: la proposta turistica si basa su una strategia specifica

Un obiettivo che non è “basato sul prezzo, ma su una strategia fondata su tre pilastri: upscaling, global e happy digital.”

Il primo aspetto riguarda il posizionamento su un target di alto livello, il secondo si riferisce ad “esperienze sempre più internazionali per adulti e bambini, che non significano il mero copia-incolla di un medesimo modello a ciascun resort, ma viceversa l’unicità di ognuno”.
Terzo elemento è l’“happy digital”, ovvero il poter utilizzare la tecnologia per creare la propria esperienza di vacanza “su misura” ancor prima che questa abbia inizio, direttamente da casa propria.

Una vera e propria innovazione, che strizza l’occhio al futuro ed inserisce, di diritto, il tour operator tra i principali brand del turismo 2.0.

“Happy digital” prevede il Digital bracelet e la nuova app “My Club Med”, strumenti utili sia per la prenotazione che per i pagamenti dei servizi grazie ai quali i clienti possono lasciare in camera portafoglio, chiavi e tessera godendo la vacanza senza accessori superflui.

 

Club Med pick your room

Scegliere e prenotare la stanza preferita (prima di partire) tramite app: oggi si può

A questi si aggiunge “Pick your room” che permette, ai clienti Platinum, di scegliere in anticipo la propria camera visualizzandola su una mappa interattiva del resort.

L’operazione, che sarà disponibile da 35 giorni prima della partenza, prevede una duplice opzione: o l’utente dopo aver scelto la propria sistemazione la blocca, in maniera autonoma, attraverso un’apposita sezione dedicata chiamata Member Space. Oppure potrà farlo direttamente l’agenzia collegandosi al sito e confermando in una fase successiva la scelta attraverso l’apposito customer care.

Per ora il servizio, in questa fase iniziale, è disponibile solo in alcune strutture: Turkoise (Turks and Caicos), Marrakech La Palmeraie (Marocco), La Palmyre Atlantique (Francia) e Columbus Isle (Bahamas).

L’obiettivo è però quello di estendere “Pick your room” in tutti i resort Club Med.

C’è anche la VR 360° Experience: la vacanza si vive in primis su smartphone

A completare il panorama digitale a disposizione degli ospiti anche la VR 360° Experience, ovvero la possibilità di fruire dei video in realtà virtuale di tutti i resort. Ma anche delle varie esperienze disponibili sul canale ufficiale YouTube così da far provare una vacanza Club Med ai clienti attraverso pc, ablet e smartphone.