Cioccolatitaliani cresce e si apre a nuovi mercati.Il brand, nato nel 2009, è il primo colosso italiano completamente dedicato al…

Cioccolatitaliani cresce e si apre a nuovi mercati.Il brand, nato nel 2009, è il primo colosso italiano completamente dedicato al mondo del cioccolato.

Un format innovativo che mixa il cioccolato con gelateria, pasticceria e non solo

L’idea è nata dagli imprenditori partenopei Giovanni e Vincenzo Ferrieri, rispettivamente padre e figlio, che, dieci anni fa, pensarono di creare un’azienda specializzata nel “Chocology”, ovvero, come spiega la mission presente sul sito: “l’arte di mixare il migliore cioccolato del mondo con gelateria, pasticceria, caffetteria e cucina.”
Cioccolatitaliani, grazie a questo format innovativo, in breve tempo è riuscita a conquistare l’obiettivo dei due ideatori, diventando ambasciatore nel mondo dell’arte del cioccolato e sviluppando, in soli dieci anni, una rete di 38 punti vendita in Italia e nel mondo, diventati modelli di una proposta di successo basata su una visione imprenditoriale che ha saputo anticipare i tempi.

Intesa San Paolo e Gazprom sono entrati a far parte di Gesa società proprietaria del brand

Tali caratteristiche vincenti hanno saputo, rapidamente, attrarre anche cospicui investimenti di importanti colossi bancari.
E’ dello scorso mese di novembre l’ufficializzazione, dopo numerose indiscrezioni al riguardo, dell’ingresso nel fondo Mir Capital di una quota di minoranza di Gesa, la società holding di Cioccolatitaliani.
L’operazione, avviata dall’advisor Vitale, si è sviluppata con la finalità di far crescere Cioccolatitaliani, società da 40 milioni di euro, tramite la sinergia di nuovi partner finanziari in grado di immettere capitali utili all’espansione dell’azienda.

Con l’ingresso di Mir Capital, fondo costituito da Intesa Sanpaolo e da Gazprombank, terza banca russa privata del Paese e collegata al colosso dell’energia Gazprom, si lancerà un aumento di capitale di 12 milioni di euro, che verrà sottoscritto interamente dal nuovo socio.

Cioccolatitaliani

In programma l’apertura di nuovi punti vendita

Il cospicuo investimento sarà destinato all’apertura di ulteriori punti vendita, sia sul mercato nazionale che su quello internazionale, per un totale complessivo di cinquanta nuovi negozi.
Un’operazione di marketing dunque, mirata, in maniera specifica ad un’espansione massiccia del brand Cioccolatitaliani, che attualmente controlla anche la catena PIE–Pizzeria Italiana Espressa che si trova ad Arese, nel City Life Shopping e, da qualche tempo anche nella prestigiosa via Agnello di Milano.

La lungimirante strategia di espansione ed internazionalizzazione della società, ha portato, in dieci anni, una capillarizzazione del marchio in una ventina di comuni italiani ed in sette Paesi esteri: Barhein, Qatar, Albania, Kuwait, Arabia Saudita, Oman e Kosovo.
Impressionanti i numeri del gigante che si è affermato grazie all’innovativa formula del chocolate bar: circa 550 sono i dipendenti per un fatturato di oltre 40 milioni di Euro, in aumento del 20% rispetto al 2018.

Dopo l’ingresso dei nuovi soci, sono rimasti invariati i ruoli societari: Giovanni Ferrieri ha mantenuto il ruolo di Presidente del Consiglio di Amministrazione, Vincenzo Ferrieri quello di vice presidente, Marco Valle direttore generale, Marco di Mauro direttore finanziario e Stefano Sacchetto direttore delle operation.