In un mio precedente articolo ho parlato dell’importanza crescente dell’uso del video marketing nelle strategie di promozione della struttura alberghiera. Oggi mi focalizzerò invece,…

In un mio precedente articolo ho parlato dell’importanza crescente dell’uso del video marketing nelle strategie di promozione della struttura alberghiera. Oggi mi focalizzerò invece, sulle modalità di promozione del territorio e delle sue peculiarità, e in particolare del video marketing territoriale. Esso, se realizzato correttamente, vi permette di trasmettere l’esperienza che il turista potrà sperimentare personalmente venendo a visitare il vostro territorio e che vorrà poi condividere con la sua cerchia di conoscenze.

Il video marketing territoriale consente di alimentare il passaparola, che a sua volta dona visibilità e determina la unique selling proposition della destinazione turistica. Il video dev’essere in grado cioè di distinguere chiaramente la vostra relatà geografica e di renderla unica agli occhi del potenziale turista.

Alcuni esempi di successo nel video marketing territoriale

Un caso emblematico di video marketing territoriale è quello della regione Basilicata, in particolare di Matera. Con un lungimirante progetto affidato a entusiasti video makers di tutto il mondo, il video “Mini Matera” ha saputo creare la giusta viralità e incrementare le visite in regione. Questo video di marketing territoriale ha superato la proposta delle solite immagini turistiche. Infatti il video ha superato le 55.000 visualizzazioni su YouTube – oggi l’indice più meritocratico che ci sia -, e il numero di turisti in Basilicata ha pareggiato il numero degli abitanti. Tutto questo è stato possibile grazie all’autenticità e alla semplicità del messaggio contenuto nel video, unite all’innovazione comunicativa dei suoi valori del Sud.

L’iniziativa di Matera è diventata un esempio utilizzato da Enit per la realizzazione della campagna promozionale sui valori italiani. Per il proprio video Enit ha scelto come oggetto di unicità le Piazze d’Italia, centro autentico di aggregazione sociale al mondo e caratteristica singolare che attira fortemente i turisti nel nostro Paese (oltre naturalmente al patrimonio culturale, artigianale ed enogastronomico). Il video è stato realizzato con uno stile informale, dal linguaggio semplice, ma allo stesso tempo emozionante, per rispondere ai principali scopi del video marketing territoriale: emozione e condivisione.

Anche il pianista italiano Lorenzo Pescini ha pensato al video marketing territoriale per rappresentare “I 30 parchi nazionali più belli del mondo”, accompagnati dal romantico brano “Danza dell’acqua” da lui stesso realizzato, coinvolgendo lo spettatore in una successione di emozioni straordinarie. L’autore del video dichiara di aver redatto l’elenco dei parchi nazionali più belli del mondo, tra i quali i parchi italiani del Gran Paradiso e  dello Stelvio, sia conducendo ricerche di settore sia tenendo conto delle esperienze personali proprie e del target obiettivo.

Un altro esempio di video marketing territoriale è “Arezzo, Grazie mille”,  realizzato dall’agenzia pubblicitaria Della Nesta su richiesta della Camera di Commercio di Arezzo per la promozione e la valorizzazione del territorio aretino. Nato come strumento a supporto della comunicazione presso eventi turistici italiani ed internazionali, verrà utilizzato ad esempio a Expo 2015, per trasmettere un’immagine che lasci una traccia indelebile nella mente e nel cuore di chiunque lo vedrà. L’intento del video è quello di far conoscere Arezzo al mondo e a potenziali investitori, oltre che suscitare emozioni forti in chi lo guarda. Arezzo Grazie Mille è un emozionante percorso tra monumenti e opere d’arte e le meraviglie paesaggistiche delle vallate. Una grande bellezza all’interno della quale si sviluppa l’economia aretina, che comprende anche un’ampia offerta di strutture ricettive e turistiche. I risultati sul web sono soddisfacenti: a soli due giorni dalla pubblicazione aveva totalizzato un numero di visualizzazioni da capogiro.

Perché si è diffuso così viralmente? Perché mancava un video che raccontasse Arezzo e tutte le sue bellezze naturali, produttive ed artistiche.

Le 5 caratteristiche di video di marketing territoriale di successo:

Per la promozione delle realtà geografiche e delle specificità di un territorio attraverso lo strumento video, ecco 5 regole da osservare attentamente:

  • Utilizzate immagini policrome, suggestive e accattivanti, in modo tale da catturare l’attenzione di chi lo visualizza.
  • Fate attenzione ai tempi: il video non deve avere durata superiore a qualche minuto per non rischiare che l’utente perda interesse e che la visione del video sia scoraggiata dall’eccessiva durata.
  • Favorite la risposta emotiva nei primi 15 secondi: l’inizio del video è la fase più importante, in cui chi lo guarda elabora la reazione, formula un giudizio sul contenuto e decide se proseguire nella visione o abbandonarla.
  • Anche la fine del video è importante: un buon modo di concludere il video è inserire dei riferimenti, ad esempio l’indicazione del sito web oppure una precisa call-to-action finale per proseguire in contatto con l’utente e per stimolarlo all’interazione.
  • Riguardate il video una volta realizzato per capire se si è detto troppo o troppo poco: per avere successo, la strategia di video marketing territoriale deve rispettare un certo equilibrio nei contenuti.

Conoscete altri esempi di video marketing territoriale? Qual è il vostro video preferito, quello che vi ha emozionato di più e grazie a quale elemento?

Abbiamo parlato di video marketing anche qui:

http://www.sharingtourism.it/conquista-il-cliente/web-marketing-hotel-fiction/

http://www.sharingtourism.it/conquista-il-cliente/video-marketing-per-hotel/