Creare una newsletter: i 5 errori da evitare

By Il Team
Mag 19th, 2017
264 Views

creare una newsletter

Perché utilizzare l’email come strategia di marketing?

Perché a tutt’oggi, nonostante l’avvento e l’utilizzo di chat e messaggistica istantanea, come per esempio whatsapp, è ancora un mezzo di comunicazione tra i più efficaci. In particolare per costruire la tua brand awareness, aumentare le vendite, rafforzare la relazione con i tuoi clienti, ricordare chi sei, creare nuovi contatti, misurare i risultati della tua strategia.

Raccontare la propria struttura turistica tramite email apporta una serie di benefici. Una newsletter tematica ci permette di raggiungere e comunicare con un vasto bacino di utenza.

Vediamo i 5 errori da evitare per creare una newsletter efficace.

1. Non tenere conto delle dimensioni

Il primo errore da evitare nella creazione di una newsletter è quello di trascurare l’importanza delle dimensioni della mail che andrete ad inoltrare. Per offrire la migliore esperienza al vostro utente, la  newsletter non deve mai essere troppo grande.

Le dimensioni ideali per la visualizzazione di una newsletter su desktop, ovvero per chi vi leggerà da pc, devono essere tra i 550 – 600 pixel.

mobile phoneE’ fondamentale inoltre tenere in considerazione anche il formato per la versione mobile. Quando si progetta una newsletter è necessario pensarla anche per lo smartphone perché un determinato target utilizzerà prevalentemente il telefono per leggervi. Quindi occorre ottimizzare il layout per far sì che il testo rientri nello schermo del telefono. La dimensione ideale per la versione mobile è di 320 pixel.

Se si tratta di una comunicazione verso un utente dovrete optare per una versione leggera facilmente fruibile anche da mobile. Se invece la comunicazione è rivolta ad un’azienda è necessario tenere presente che probabilmente la lettura avverrà attraverso pc desktop.

In alto le informazioni più importanti

La prima parte della email, sarà dedicata alle informazioni più importanti (3 pollici di altezza, che equivalgonoa circa 7 cm). È l’altezza media della prima schermata visualizzata dal cliente prima di scorrere verso il basso. In questa prima parte della newsletter deve comparire, infatti, il messaggio principale che voglio comunicare che sarà il senso della Newsletter.

2. Sottovalutare l’importanza di Testo, font e immagini

leggibilità del testo e contrasto

Leggibilità del testo senza e con contrasto

Una volta valutate le giuste dimensioni, anche il testo e la grafica della newsletter non sono da sottovalutare. Tra lo sfondo della vostra newsletter e il testo deve esserci contrasto per massimizzarne la leggibilità. Su uno sfondo bianco, per esempio, un testo grigio non sarà efficace. Il colore consigliato per il testo è il nero o un grigio molto scuro. Purché ci sia contrasto con lo sfondo.

Potete utilizzare i colori in altre parti della newsletter, ad esempio personalizzando la parte superiore della newsletter con una foto o un’ immagine comprensiva di testo.

E’ importante non utilizzare troppe tipologie di Font diverse. Due o tre tipologie al massimo e dare la giusta dimensione ai singoli elementi. Quando penso al layout della newsletter, devo impostare un titolo grande, mentre  il corpo del testo dovrà essere più piccolo, ma comunque sempre chiaro e leggibile. Nella versione per smartphone è importante ricordarsi che il testo deve essere compreso tra i 12-14 punti.

Contenuto versus target

Creare una newsletter sottovalutando il target a cui vi state rivolgendo non è la mossa giusta. Sia che la vostra newsletter sia di tipo informativo, finalizzata per esempio alla divulgazione di un evento o di tipo promozionale o/di vendita  deve sempre riflettere le esigenze del target. Il contenuto quindi deve essere appropriato e pensato per quel determinato target. Se vi state rivolgendo ad una famiglia, comunicherete le vostre offerte dedicate alla famiglia. Se vi state rivolgendo ad un’azienda con cui vorreste collaborare, la vostra comunicazione dovrà essere mirata in questo senso.

Stesso discorso vale per le immagini, che devono rispettare il target dell’utente. Se vi rivolgete ad una famiglia, le vostre foto dovranno essere attrattive per la famiglia (giochi, attività per i bambini ecc..). Se vi rivolgete, invece, alle persone single le immagini dovranno rispecchiare le opportunità di soggiorno e di divertimento per single.

3.  Non inserire una Call to action

Dovrà essere sempre presente, nel layout di una newsletter, una Call to action ovvero un bottone o un link, ben visibile, che rimandi al vostro sito web o ad una pagina di atterraggio particolare (landing page).

call to action efficaceLa Call to action deve essere ben visibile, quindi grande, non al pari del titolo, comunque distinguibile dal testo. Se inoltrate una newsletter puramente descrittiva, senza alcun bottone o link che rimandi ad una pagina non si potrà raggiungere l’obiettivo preposto: quello di indurre l’utente a concludere un’azione come leggere un articolo, richiedere informazioni rinviandolo ad un form oppure prenotare un pacchetto.

Se non si inserisce una call to action si perde un’occasione importante. Quindi occorre fare attenzione che funzioni e che sia ben visibile all’interno della vostra Newsletter.

Come creare una call to action efficace:

Il messaggio deve essere chiaro. Si deve capire perfettamente cosa succederà subito dopo che il cliente cliccherà sul bottone. Quindi la lettura di un articolo o il reindirizzamento ad una determinata pagina.

Non essere troppo “push”. Parole come “compra”, “prenota”, che possono ricondurre all’acquisto di qualcosa possono inibire i vostri clienti. E’ sempre meglio utilizzare parole più neutrali, come ad esempio “richiedi la disponibilità” anziché “prenota”. Oppure “ottieni la brochure”, anziché “scarica” o “download”.

Facendo attenzione alle parole che si utilizzano sarete più persuasivi senza “spaventare” il cliente.

4. Non far sapere chi sei

Non inserire le tue informazioni. All’interno della newsletter è necessario inserire i contatti in maniera visibile e chiara. Dove siete, come contattarvi ecc..

Il vostro logo dovrà essere collocato in alto, nella parte superiore della Newsletter, mentre le informazioni dovranno essere più in basso. Il mittente deve essere chiaro e riconoscibile, preferibilmente sempre lo stesso e preferibilmente riconducibile ad una persona specifica. La riconoscibilità è uno degli aspetti più importanti quando si inoltra una newsletter.

Non dovranno mancare poi i link al vostro sito e ai vostri social. La newsletter è un’occasione per farsi conoscere attraverso tutti i canali.

5. Non metter il link della disiscrizione e non essere chiari a livello privacy

E’ fondamentale inserire nella vostra Newsletter il disclaimer relativo alla privacy e la possibilità di disiscrizione immediata con una procedura semplice e veloce.

A proposito dell'autore

Il Team
- La squadra di consulenti e formatori di Gp.Studios, professionisti ed esperti nel campo della consulenza alberghiera e della ristorazione.

Vuoi rimanere aggiornato sulle novità

dal mondo del turismo e della ristorazione?

 

Iscriviti alla newsletter e ricevi

anche i nostri e-book gratuiti