Hotel design: i colori di tendenza nel 2016

By Paola Tournour-Viron
Gen 26th, 2016
1479 Views

Hotel design: i colori di tendenza nel 2016

State pensando di dare alla vostra struttura una mano di vernice fresca? Vi state guardando attorno per scegliere nuove porcellane, nuove tappezzerie o nuovi tessuti d’arredo? Oppure state progettando nuovi materiali per la vostra comunicazione integrata? Se volete essere à la page nel mettere mano all’hotel design potete adottare il Colore dell’Anno eletto dal Pantone Color Institute. Sul mercato dal 1963, questa azienda individua ogni dodici mesi la tinta universale dei due semestri successivi, e per questo 2016 ha assegnato il podio alla nouance Rose Quartz & Serenity frutto, per la prima volta in oltre mezzo secolo, di un accostamento sfumato fra tinte contrastanti.

Fino allo scorso anno, infatti, il suggerimento si basava su toni uniformi: il Marsala per il 2015, il Radiant Orchid per il 2014, il Verde Smeraldo per il 2013, l’Arancione – o Tangerine Tango – per il 2012, e via indietreggiando.hotel design: i colori suggeriti

I nuovi colori per l’hotel design

Il Colore del 2016 nasce invece dal digradare del rosa nell’azzurro. “Il rosa – spiegano – perché trasmette il senso di un caldo abbraccio, mentre l’azzurro è sinonimo di ordine e, pertanto, di serenità”.hotel design: i colori del 2016

All’interno del sito web, ogni anno rigorosamente ri-stilizzato secondo le tinte del momento, potete osservare come concretamente si possa declinare la nuova soluzione cromatica per:

  • L’arredo delle camereHotel design: i colori del 2016
  • L’allestimento della tavolaHotel design: i colori del 2016
  • Gadget e toiletriesHotel design: i colori del 2016

Nelle stesse pagine trovate anche la tavolozza con cui combinare opportunamente la nouance 2016. Date un’occhiata, giusto per assicurarvi di non vanificare gli sforzi di refresh del vostro hotel design con accostamenti azzardati.

L’importanza dei colori

Le tinte attribuite a pareti, arredi, cataloghi e materiali di comunicazione giocano infatti un ruolo molto importante nella relazione con il cliente. Non si tratta affatto di banalità o di frivolezze. Lo rimarca in ogni occasione l’esperto mondiale Michel Pastoreau – antropologo ed eminente specialista dei colori e dei loro significati simbolici – sottolineando come “tutto sia regolato da un codice segreto. La storia dei colori – scrive – racconta l’evoluzione delle mentalità, degli usi e delle società, intrecciando arte, politica, religione, psicologia e sociologia”.

Pertanto, se l’hotel design viene approcciato con superficialità, si rischia non soltanto di utilizzare tinte inefficaci ma addirittura dannose, perché negano, ribaltano o, quanto meno, indeboliscono il messaggio scritto o narrato dall’albergo. “I colori – avverte infatti Pastoreau – veicolano tabù e pregiudizi ai quali obbediamo senza rendercene conto. E possiedono significati nascosti, in grado di influenzare i comportamenti e l’immaginario”. Con evidenti cospicue ripercussioni sull’umore dell’ospite e, di conseguenza, sull’esito e sulla memorabilità della vacanza.

A proposito dell'autore

Paola Tournour-Viron
- Si occupa da oltre vent’anni di giornalismo turistico per il trade, con specializzazione in nuove tendenze e sviluppo dei mercati esteri. E’ curatrice di Studi ed Osservatori di Mercato per il turismo italiano ed estero, nonché redattrice e speaker di corsi multimediali su alcune tra le principali destinazioni turistiche internazionali. E’ stata conduttrice di rubriche radiofoniche sul tema dei viaggi ed è docente a contratto di marketing e comunicazione in corsi per gli istituti superiori a indirizzo turistico e alberghiero. Per Mondadori Education è coautrice dei volumi “Comunicare l’Impresa Turistica” e “Tecniche di Comunicazione”.