I 10 articoli più letti su Sharing Tourism nel 2017

By Chiara Baldoni
Gen 5th, 2018
35 Views

I 10 articoli più letti su Sharing Tourism nel 2017

Hit parade musicali. Scommesse sul calcio mercato. Incassi dei cinepanettoni. L’inizio dell’anno è il momento giusto per stilare tutti i tipi di classifiche.

E’ tempo allora di fare la nostra parte, individuando la top 10 degli articoli più letti del 2017 su Sharing Tourism. I lettori affezionati lo sanno, i nostri articoli sono un valore senza tempo, quindi non stupitevi se vedrete post molto vecchi. Significa che gli utenti li trovano ancora interessanti!

Sharing Tourism 2017: la Top 10 

Secondo l’analisi di Google Analytics, gli articoli più cercati e letti durante lo scorso anno sono, in ordine decrescente:

10) COME RENDERE ACCATTIVANTE LA DESCRIZIONE DELL’HOTEL

Seconda puntata della collana “Scrittura creativa” di Paola Tournour Viron, che indica 5 domande molto pratiche da porsi per capire se i testi del proprio sito sono efficaci. Un estratto dell’articolo: “E’ necessario tagliare tutto ciò che non sia effettivamente necessario a chi legge, i dettagli impliciti o scontati che sottraggono forza alla narrazione rendendola identica a infinite altre. E poi tutto ciò che non si è in grado di spiegare meglio, per mancanza di spazio o di argomenti…” Continua a leggere

9) VIDEO MARKETING: COME PROMUOVERE UN TERRITORIO

Alla nona posizione un lungimirante articolo di Luca Sconfienza sull’importanza dello strumento video all’interno di una strategia marketing. In questo caso il focus è sulla promozione della specificità di una destinazione turistica, con tanto di mini guida al corretto utilizzo dei video.

8) TECNICHE DI VENDITA AL RISTORANTE: IL SUGGESTIVE SELLING

Un articolo scritto a quattro mani attorno al tavolo di Gp.Studios, partendo da un’analisi delle cause di insoddisfazione dei clienti al ristorante (di cui 4 inerenti al servizio), per poi passare alle soluzioni. Riassumiamole in qualche parola: suggestive selling. Se ti interessa, puoi leggere tutto l’articolo sulla vendita suggerita qui.

7) 5 MODI PER VENDERE PIù DOLCI AL RISTORANTE

Si tratta di una vera chicca per i ristoratori. In termini economici infatti l’offerta di dessert rappresenta una delle aree a più alto valore aggiunto. Trascurare l’impiattamento, la presentazione e le modalità espositive dei dolci in menù significa rinunciare a una parte di fatturato. Giammai! Siediti un attimo, leggi l’articolo e prendi appunti.

6) GUIDA AL SUCCESSO: 5 PASSI PER APRIRE UN’HAMBURGERIA

Il format è quello dello “slow-fast-food, che punta a un piatto unico, genuino e di alta qualità: in questa chiave, agli italiani l’hamburger piace. Ma quali i fattori fondamentali di successo per gli esercenti? Ecco cosa serve per aprire un format di questo tipo: ingredienti, location, attrezzature, servizio, prezziScopri di più.

5) QUANDO LE DIMENSIONI DEL BUFFET PUÒ FARE FELICE IL CLIENTE

Brillante ingresso in Sharing Tourism di Lorenzo Zirulia, professore e coordinatore del corso di Laurea Magistrale in Tourism Economics and Management presso la sede UNIBO di Rimini. In questo articolo viene fatta una disamina sulle implicazioni psicologiche di un breakfast buffet troppo abbondante. “Di fronte ad una scelta che coinvolge un numero molto ampio di alternative, gli individui appaiono meno motivati, per lo sforzo cognitivo che la valutazione di tutte le opzioni in gioco richiede e la maggiore possibilità di provare rimpianto nel momento in cui l’opzione scelta non soddisfi le attese.

4) FERIE E PERMESSI: DIRITTI, GESTIONE E CCNL DEL TURISMO

ferie e permessi ccnl turismoIl lavoratore ha il diritto irrinunciabile ad un periodo di ferie e permessi annuali retribuite, il cui scopo non è solo quello di garantire al dipendente l’indispensabile ristoro fisio-psichico, ma anche di permettergli l’esercizio di attività familiari, ricreative, culturali, sportive, ecc. Cosa dice a tal proposito il contratto collettivo (CCNL) del Turismo e dei Pubblici Esercizi? L’articolo ad hoc dell’Avvocato Gianfranco Focherini, al quarto posto della nostra classifica.

3) AUMENTARE LE VENDITE NEI PUBBLICI ESERCIZI

Ingresso a singhiozzo, verticalizzazione, utilizzo di isole… Sai tutto sull’allestimento del punto vendita? Eppure, secondo uno studio a campione, il 63% dei gestori di Pubblici Esercizi non segue un ordine preciso quando allestisce la vetrina. Ma il dato scioccante è che l’86% non ha mai utilizzato tecniche di visual merchandising per aumentare la vendibilità dei prodotti esposti. Mai dire mai, comincia ora.

2) COME DEFINIRE I PREZZI DEL MENÙ

Quando i prezzi sono stabiliti in modo approssimativo, può succedere che i margini di profitto si riducano fino addirittura ad annullarsi. Spesso il ristoratore “fai da te” decide infatti di applicare una tariffa frutto di conteggi parziali, non corretti e a volte sfavorevoli rispetto alla reale incidenza che può avere sul suo portafogli. Soluzione? Guida al corretto pricing dei piatti.

1) 5 MOSSE VINCENTI PER L’ALLESTIMENTO DEL BUFFET BREAKFAST

Prima posto per l’intramontabile breakfast buffet, dal sempre sul podio di Sharing Tourism. L’articolo più letto dai nostri fan, scritto da Giacomo Pini, inizia così: “Quando si pensa al breakfast quasi automaticamente il pensiero va verso i prodotti, la filiera corta, l’artigianale. Concordo pienamente con questa filosofia, tuttavia è sempre bene tenere in considerazione anche altri aspetti, tra cui l’allestimento del buffet breakfast e in termini più generali dell’intera…” Continua a leggere