Innovazione in Hotel: 7 consigli per differenziare la tua offerta

By Francesca Maffei
Lug 24th, 2017
199 Views

Innovazione in Hotel: 7 consigli per differenziare la tua offerta

Come si sta evolvendo la tecnologia all’interno delle strutture ricettive? Quali sono i supporti digitali che possono aiutare gli albergatori a memorizzare desideri e preferenze dei clienti, migliorando così la loro esperienza di soggiorno?

Digital Hotel, oltre ad essere il nome reale di un hotel di Jiangling, in Cina, è l’imprescindibile “appellativo” che ormai ogni struttura deve avere per rientrare nella cosiddetta hospitality technology.  D’altronde l’avvento di una generazione di ospiti sempre più tecnologici impone di stare al loro passo e di portare l’innovazione in hotel. Ma cosa permette oggi di fare realmente la differenza?

Due fronti spesso trascurati nella corsa verso il progresso tecnologico, che invece tende a concentrarsi sul mondo del mobile, del guest engaging e dell’esperienza di vendita, sono la sicurezza, di persone e di oggetti, e il controllo dei costi, di gestione e amministrazione.

I sistemi più innovativi di sicurezza digitale e di sorveglianza soddisfano la duplice esigenza di risolvere problemi di protezione di ospiti, strutture e infrastrutture, e di raccogliere al medesimo tempo dati utili. Per parte loro, i software di gestione digitale della performance, una volta integrati in remoto con PMS – Property Management System –  e domotica, consentono di migliorare sensibilmente il monitoraggio di costi operativi, come quelli energetici, e ancillary, come il minibar. Sapendo non solo quando quest’ultimo necessita di essere rifornito, ma anche con quali prodotti.

Come portare l’innovazione in hotel

Creare un hotel digitale autentico significa possedere la capacità di mettere in connessione, e far interagire affinché lavorino insieme, tutti i touchpoints digitali con l’obiettivo comune di condividere informazioni, personalizzare l’esperienza dell’ospite e velocizzare i processi.

Alcuni esempi?

  1. La prima impressione si forma al momento del check-in: totem e soluzioni di registrazione da dispositivi mobili possono evitare code e ridurre i tempi di attesa al minimo.
  2. Un sistema di POS in grado di tracciare la cronistoria di acquisto di ciascun cliente rende più facile l’adeguamento di un’offerta economica dedicata ai repeaters.
  3. PInnovazione in Hotel: 7 consigli per differenziare la tua offertaer molti viaggiatori il momento wow avviene all’arrivo in camera. Oltre ai tablet a disposizione per prenotare i servizi dell’hotel, come la cena al ristorante o il trattamento in SPA, disporre di smart webcam posizionate nei punti strategici consente all’ospite di monitorare l’affollamento in piscina o in palestra. E decidere l’orario migliore per accedervi.
  4. Predisporre cornici digitali in camera con contenuti in grado di attrarre i clienti business durante i giorni feriali e quelli leisure durante i weekend è molto apprezzato dai destinatari.
  5. I sistemi di sicurezza più innovativi sono in grado di prevenire danni o furti ma anche di controllare gli sprechi e la condotta dei dipendenti in un’ottica di staff training.
  6. Installare touchpoints nella spa o nell’area fitness aiuta nella presentazione di contenuti altamente customizzati.
  7. Gestire in maniera digitale i consumi energetici significa allinearli alle policy impostate relativamente ai vari impianti, come il riscaldamento o il condizionamento nelle camere che rimangono vuote per un certo periodo di tempo.

In buona sostanza, portare l’innovazione in hotel e instaurare interconnessioni digitali all’interno della struttura ricettiva può contribuire concretamente a garantire un vantaggio competitivo solido e duraturo. Finché anche i competitor non vi avranno raggiunto su questo fronte e sarà arrivato il momento di spingere l’asticella un po’ più in alto….chi non innova è perduto!

A proposito dell'autore

Francesca Maffei
- Albergatrice di 3° generazione e giornalista di settore,ha corredato la laurea specialistica in Management Internazionale all’Università Cattolica di Milano di una specializzazione in Marketing alla Michigan State University (USA), in Comunicazione Aziendale Integrata a Il Sole 24 Ore Business School di Milano, in Hotel Management all’Università di Les Roches e Glion (CH) e in Revenue Management all’Università di Siviglia (ES). Già vicepresidente di Federalberghi giovani, è presidente GAT – Associazione Albergatori Trentino, consigliere Museo delle Scienze – MUSE di Trento e ApT Madonna di Campiglio, oltre che communication manager per 3Tre Ski World Cup.

Vuoi rimanere aggiornato sulle novità

dal mondo del turismo e della ristorazione?

 

Iscriviti alla newsletter e ricevi

anche i nostri e-book gratuiti